impresa

Nuovo stabilimento Bonfiglioli a Rovereto

Data:
25 Lug 2018

Bonfiglioli Riduttori raddoppia i propri spazi in Polo Meccatronica. La multinazionale bolognese ha dato avvio ai lavori per un secondo stabilimento di 5 mila metri quadrati all’interno dell’hub trentino dell’Industry 4.0.

Cresciuta da 3 a 80 lavoratori e da 300 mila a 20 milioni di euro di fatturato in soli sette anni di attività in Trentino, l’impresa è pronta a rilanciare. Lunedì 23 luglio sono partiti ufficialmente i lavori, alla presenza del vicepresidente della provincia autonoma di Trento Alessandro Olivi, della presidente di Bonfiglioli Sonia Bonfiglioli e del presidente di Trentino Sviluppo Sergio Anzelini.

 

L’edificio, finanziato dalla Provincia di Trento come nuovo corpo di Polo Meccatronica, ospiterà il Bonfiglioli Mechatronic Research, avrà una superficie complessiva di 5 mila metri quadrati ripartita su due piani e sarà pronto per l’estate 2019. Costruito con ampio utilizzo del legno, secondo rigorosi standard di risparmio energetico, ospiterà la lavorazione dei nuovi modelli di riduttori epicicloidali brevettati dalla multinazionale emiliana e lo sviluppo di progetti innovativi nell’ambito dell’I-IoT - Industrial Internet of Things.

Importanti le ricadute sulla filiera trentina della meccatronica e tante anche le opportunità per i giovani: ad oggi in Bonfiglioli a Rovereto lavorano infatti ingegneri, progettisti e operai specializzati per il 74% trentini e per circa la metà under30. Il numero di addetti è destinato a crescere fino a quota 100 dipendenti a stabilimento ultimato.