select language
Dalla Smart City alla Smart Forest: in Trentino di progettano le “foreste intelligenti”
Innovazione  /  1 febbraio 2017
Dai rilevamenti radar aerei ai sistemi automatizzati di gestione del patrimonio boschivo, ai tablet per i forestali. L'evoluzione di un settore fino ad oggi amministrato con metodi tradizionali.

Dai rilevamenti radar aerei ai sistemi automatizzati di gestione del patrimonio boschivo, ai tablet per i forestali. L’evoluzione di un settore fino ad oggi amministrato con metodi tradizionali.

 

Rovereto, 11 gennaio 2017 – Dalla smart city alla smart forest. Accade in Trentino, dove si stanno provando ad applicare alcune delle tecniche alla base degli esperimenti di “città intelligente” a un contesto totalmente diverso: quello dei boschi nelle aree non urbanizzate, che rappresentano quasi l’80% del territorio.

Rendendo più efficiente la gestione, il monitoraggio e la divulgazione delle risorse “verdi” presenti in Provincia di Trento, e organizzando i dati in un sistema telematico che ne velocizzi la condivisione e ne migliori lo sfruttamento.

È un’iniziativa in divenire di cui però sono state già realizzate alcune parti, grazie alla collaborazione fra la società Trilogis (incubata al Polo della Meccatronica di Rovereto), il Consorzio dei Comuni Trentini, la Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige (FEM) e la Fondazione Bruno Kessler di Trento (FBK).

“Si tratta di informatizzare e dare coerenza a un settore ancora gestito con metodi tradizionali – spiega il presidente di Trilogis, Gianni Rangoni”.

Partendo dalle immagini LIDAR – ossia ricavate dai radar degli aerei in volo sul territorio – e usando algoritmi sviluppati da FEM e FBK, assieme al software di Trilogis, è già oggi possibile tenere sotto controllo l’estensione e il mutamento delle specie boschive, stimare le masse legnose, l’altezza delle piante con molta maggiore accuratezza di quanto fosse possibile un tempo.

“Si registrano le decine di migliaia di “echi di ritorno” della emissione elettromagnetica del sensore , in modo che, a seconda delle diverse altezze delle piante, con particolari modelli matematici che abbiamo messo a punto, si ottengono dati molto precisi sul volume legnoso, la biomassa, il numero di alberi del bosco – racconta il direttore tecnico di Trilogis, Massimo Barozzi”.

Ai forestali del piccolo Comune di Arco, ad esempio, sono stati consegnati dei nuovi strumenti di lavoro: dei tablet che consentono di comunicare in tempo reale agli Enti di competenza eventuali problemi del territorio, come la presenza di crepe o danneggiamenti colposi, nonché di memorizzare altri dettagli, come i punti da cui è stata presa la legna, o dove è stata accatastata.

Informazioni già in passato rilevate dai custodi dei boschi, ma che, per la natura ancora essenzialmente analogica del servizio, spesso non venivano condivise e messe in rete nella maniera più adeguata.

Le migliorie introdotte non hanno riguardato comunque soltanto chi opera sul “campo”, ma anche gli uffici provinciali che si occupano di territorio e urbanistica, per i quali i maghi del software di Trilogis hanno sviluppato dei programmi che automatizzano, su base geografica, la gestione dei piani forestali e di taglio.

Il progetto, che vorrebbe coinvolgere in futuro anche i Paesi transfrontalieri dell’arco alpino, mira anche alla creazione e allo sviluppo di alcune best practice da esportare in altri territori.

Fra le componenti (ancora da realizzare) dell’iniziativa ‘smart forest’ anche un sistema per l’auditing delle informazioni per l’ottenimento della certificazione PEFC; quella che attesta, fra le altre cose, che la carta usata in libri e quaderni provenga da boschi amministrati in maniera eco-sostenibile.

Oggi le foreste svolgono un ruolo sempre più importante nelle economie dei diversi settori all’interno dei paesi alpini: grazie al turismo, alla capacità di fornire bio-energia e come riserva di legno di alta qualità.

In tempi di crescente cementificazione e rapidi cambiamenti climatici, sono preziose anche per le loro funzioni di ritenzione idrica, protezione idrogeologica e sottrazione di carbonio dall’atmosfera.

Renderle smart, è un passaggio necessario e urgente per sfruttarle al meglio.

News in primo piano
La prossima storia di  successo
potrebbe essere la tua

Vuoi conoscere la storia dell’azienda Alfa e le opportunità che ha colto entrando nel Polo?
Gli stessi vantaggi li potresti avere anche tu.